martedì 25 maggio 2010

Acqua Pubblica un Bene Comune

Con l'inizio dei grandi caldi, voglio segnalarvi l'iniziativa referendaria promossa dal Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua, composto da diverse associazioni (dalle Acli all'Arci, passando per il Verdi, i movimenti ecologisti ed alcuni partiti politici), tesa ad abrogare il Decreto Ronchi del Novembre 2009, che portava una pericolosissima deriva nella gestione dell'acqua potabile, introducendo pesantemente le privatizzazioni del servizio.
Già una volta mi sono occupato di questo tema sul mio blog, ma ora sono a portare qualche cosa di un po' più concreto delle mie impressioni: una raccolta firme che ha visto mobilitarsi migliaia di persone, con l'obiettivo di raccogliere oltre un milione di nomi di liberi cittadini, che non vogliono piegarsi alla logica del mercato, ma preferiscono difendere un bene comune e sociale, come l'acqua potabile.
Questo link vi porterà sul sito del comitato promotore, dove potrete trovare tutte le informazioni sui banchetti per la raccolte firme nelle vostre città.
Vi segnalo anche questo articolo apparso su La Repubblica del 24 Maggio.

Saluti

giovedì 20 maggio 2010

Legge Bavaglio: No Grazie!



Stanno mandando avanti a calci una legge che impedirà alla Giustizia di fare il suo dovere.
Un legge secondo cui, per registrare conversazioni fra presunti delinquenti, sarà necessaria un'approvazione consensuale delle parti coinvolte (Mi scusi, Sig. Mafioso, posso registrarla mentre chiacchiera con un suo collega di segreti scottanti?!?).
Una legge che permetterà ai magistrati di richiedere le intercettazioni telefoniche solo come "riprova" di un crimine già dimostrato.
Una legge che impedirà indagini sulle varie Cricche, Amici e Amichetti, nonchè sui crimini di mafia e sulle stragi di stato, per non parlare dei grandi crack finanziari fino ai più "banali" stupri ed assassinii.

Io, da cittadino, mi oppongo a questo scempio ed invito tutti a mobilitarsi per far sentire la nostra voce ed il nostro dissenso.
La Maggioranza di nasconde dietro alla scusa che "il Popolo Sovrano ci ha eletto per fare anche questo", dimenticando che in campagna elettorale mai si parlò di azioni di questo tipo. Queste sono le scuse di farabutti che vogliono solo salvarsi il fondoschiena.

Qui il link per votare la petizione contro la legge bavaglio.
Qui il link per lasciare una vostra foto sulla pagina di FaceBook.

Fate girare queste informazioni, muovetevi, non siate pigri, perchè ogni attimo di pigrizia è un attimo in meno da persone libere.

Saluti

lunedì 17 maggio 2010

Fan quasi tenerezza

Ieri mattina, alle 7, sono uscito a fare una passeggiata con mia figlia. Abbiamo comprato il giornale (l'Unità) e le brioches per fare colazione.
Nello sfogliare le pagine del quotidiano, mi sono soffermato su di un articolo in particolare, che riproponeva il grande disagio dei Berluscones (simpatizzanti e fanatici più o meno estremi), emerso nel blog del sito del Popolo delle Libertà, in seguito alle inchieste che ruotano attorno ad Anemone, alla "Cricca", a Scajola & Co.
Il leit motiv pare essere: "Silvio, liberati dei ladri perchè altrimenti rischi di perdere credibilità", "Silvio noi siamo con te, ma inizia a fare qualche cosa di concreto contro 'sto malaffare, come per esempio tagliare gli stipendi dei parlamentari".
Insomma, in generale emerge che 'ste persone davvero non si aspettavano che il malaffare pervadesse il Popolo dell'Amore, proprio mentre anche in Sardegna esplode la bomba (questa volta sull'eolico). Davvero sembrano cascare dal pero, talmente accecati dalla propaganda governativa, secondo cui Berlusconi è sempre estraneo al fatto, in un modo o nell'altro, e sono gli altri ad avercelo tirato in mezzo (ma gli altri chi?!?). Davvero credono che il Premier sia pulito e nulla ruoti attorno a lui.
Dico davvero, mi fanno quasi tenerezza, ma dopo quindici anni c'è ancora così tanta gente convinta che Berlusconi sia diverso da "quegli altri"?!? dalla "solita politica" (quale?!?) ?!? è proprio così? a leggere il suddetto blog sembrerebbe proprio di sì.

Saluti

mercoledì 12 maggio 2010

Europa ed Europeismo

La Gran Bretagna cambia colore politico. Brown è stato battuto ed i conservatori molto probabilmente governeranno con i Liberal-Democratici (Cameron non ha ottenuto la maggioranza assoluta). Con i conservatori al governo, l'euroscetticismo inglese rischia di aumentare, soprattutto alla luce della crisi greca e del "bilico" di altri Paesi dell'Unione.
L'Europa si è resa conto che il patto di stabilità di Maastricht non funziona, o meglio, è pieno di buchi e lacune, e si basa essenzialmente sulla fiducia che ogni Stato faccia il suo lavoro onestamente. Beata ingenuità. Ecco che allora l'Europa, Germania in testa, chiede a gran voce regole più ferree, controlli stringenti sui conti di ogni Stato, revoca dei fondi e dei prestiti in caso di sforamento del debito.
Cosa ne penso? Credo che finalmente si siano svegliati. La speranza che ognuno di noi faccia il suo lavoro onestamente è pia illusione. Purtroppo ci vuole la Finanza che controlli in casa di ciascuno, se vogliamo che questa nostra Europa funzioni. A ben guardare, qui in casa nostra ne abbiamo più di uno di peccatuccio da farci perdonare. Quanti possono dire di non aver mai sentito frasi del tipo "Ah, beh, sono fondi europei", come per dire: soldi gratis, piovuti dal cielo, che bisogna spendere in ogni caso e, se possibile, intascarsi. Purtroppo con il lavoro che faccio le ho viste spesso 'ste porcherie, ed il pensiero che non siamo gli unici a comportarci così mi fa rabbrividire. Quanti provvedimenti disciplinari si è infatti guadagnata l'Italia da parte dell'Europa, soprattutto con il Governo Berluscoleghista?
Verranno allora introdotte regole più stringenti e maggiori controlli? Ben venga, chissà che lo spettro della crisi e della banca rotta ci faccia capire che viviamo tutti sotto lo stesso tetto, e divisioni e frazionamenti non porterebbero null'altro se non ulteriori problemi.
Saluti

martedì 11 maggio 2010

Libero Stato in Libera Chiesa?

E' notizia di oggi che il Consiglio di Stato rovescia la sentenza del Tar del Lazio del 2007, secondo cui l'ora di religione non contribuisce al credito per gli studenti che si avvalgano di tale insegnamento. Coloro i quali non se ne avvalgono non avranno nè giudizio nè credito.
Mi chiedo però: non si crea discriminazione per chi decide di non frequentare l'ora di religione, convinto del fatto che questa disciplina vada trasmessa più in Chiesa che a Scuola? si trattasse di "Ora delle Religioni", dove si insegnano tratti e peculiarità di tutte le confessioni, potrei essere d'accordo, ma da noi fin troppo spesso si tratta di un'ora di religione cristiano cattolica ben serrata, i cui programmi sono spesso deteminati da ambienti vaticani.
Chi non frequenterà l'ora di religione avrà allora uno svantaggio, rispetto a chi deciderà di farla? Certo la Binetti & Co. esultano, ma che ne sarà del concetto di Stato Laico? perchè ci perdiamo ancora dietro a queste battaglie ideologiche?
Io personalmente, l'ho già detto più volte, sarei per appendere tutti i simboli religiosi negli spazi pubblici, nelle scuole, nei comuni, per informare, per dare pluralità e pari dignità. O tutti o nessuno, sia ben chiaro.
In definitiva, trovo che con questa sentenza abbiamo perso l'ennesima buona occasione per dimostrare che siamo un Paese adulto.
Saluti

lunedì 10 maggio 2010

Bertolaso e Fede restano al loro posto

Guido Bertolaso, nella migliore delle tradizioni di "Poltronopoli", dopo aver ventilato la sua possibile uscita di scena smentisce tutto e resta ben saldo al suo posto (ed al suo stipendio, diciamolo pure). Certo, lui si augura che nessuna persona che ricopre ruoli istituzionali possa restare al suo posto per più di cinque anni o, al massimo, sette. Dato che lui è a capo della Protezione Civile fin dal 2001 (nove anni), nel 2008 aveva fatto richiesta di essere sostituito, pensando di entrare in pensione anticipata, ma che ci volete fare? il terremoto dell'Abruzzo glielo ha impedito.

Altro versante altro personaggio. Si chiama Emilio Fede (classe 1931), ed è da diversi anni il Direttore e "voce narrante" del Tg4. In questi giorni è stato investito da una delle tante polemiche che lo riguardano, per aver chiaramente detto di Saviano "... ha scritto dei libri sulla Camorra... l'ha fatto tanta altra gente, senza fare clamore, senza raccogliere firme, senza rompere i... ehm, scusate, senza disturbare la riflessione della gente... un Paese come il nostro è contro la malavita organizzata, non c'è bisogno che ci sia Roberto Saviano...".
(Qui il video completo).
Signor Fede, è proprio così sicuro che un Paese come il nostro sia contro la Malavita Organizzata? e soprattutto che non ci sia bisogno dei Roberto Saviano che, ogni giorno, combattono in prima fila contro la Camorra mettendo a rischio solo le loro chiappe? Lei, di preciso, contro la Malavita Organizzata cosa ha fatto? insomma, all'atto pratico, come si svolge la sua quotidiana lotta alla Mafia? sarei curioso di saperlo, io come credo tante altre persone.
Ma possibile che in Italia permettiamo sempre a certa gente (tipo Fede) di esprimersi liberamente in pubblico?

Saluti

sabato 8 maggio 2010

Mostra Fotografica

Solo per rilanciare un invito alla mostra fotografica "Inside Outside My Eyes", che mi vedra' impegnato assieme ad altri 7 ardimentosi fotografi domenica 23 Maggio alla fornace di Noventa Padovana. La locandina e' cliccabile e vi rimandera' alla pagina di FaceBook correlata. Non mancate e soprattutto spargete la voce.
Saluti

giovedì 6 maggio 2010

Privatizziamo?

Che ne dite? Privatizziamo? Nonostante i pessimi risultati del sistema capitalista e neo liberista, su cui mi sono soffermato più volte, qui da noi (e purtroppo anche altrove), si continua a volerlo imporre, applicare, spremere, sia nel lavoro che nella vita quotidiana, che poi è spesso cadenzata dal lavoro. La Grecia va a rotoli, ma noi privatizziamo. La gente resta senza lavoro ed i servizi di base scarseggiano e noi privatizziamo. Istruzione e sanità stanno diventando un bene d'elitè (e neanche di alto livello), e noi privatizziamo.
Non ultima l'acqua.
Proprio oggi ho ricevuto una mail da un mio carissimo amico che ormai vive a Londra a molti anni. Lui lavora per grossi gruppi finanziari, e magari un giorno mi farò spiegare bene cosa è stata la crisi e da che cosa è stata provocata. Ma soprattutto se continuiamo ad essere a rischio.
Quello che però mi ha colpito, nella sua mail, è stata questa frase "So che in Italia si parla di privatizzare l'acqua. Spero non lo facciano, perchè qui in Inghilterra lo hanno fatto un po' di anni fa ed ora è uno schifo. Per diversi motivi la cosa si è trasformata da un monopolio pubblico (che aveva un minimo di decenza e giustizia), in un oligopolio regionalizzato di 4 o5 key players ognuno che guarda ai suoi interessi. Speriamo che la cosa non funzioni in Italia".
Vi lascio questa testimonianza, che potrebbe suonare ovvia e scontata ma non lo è.
Saluti

martedì 4 maggio 2010

Spiderman was a Skater

Oggi un piccolo omaggio alla mia fotografia (di cui, nel mio piccolol, vado orgoglioso), ed allo skate contest del 10 Aprile scorso svoltosi a Carmignano di Brenta (VI).



lunedì 3 maggio 2010

Egoisti per un giorno?

Oggi non mi va di parlare di grandi temi.
La BP sta distruggendo le coste statunitensi con 8000 litri di greggio versato in mare al giorno, e ci vorranno tre mesi per riparare il danno, senza contare gli animali morti, l'inquinamento e le "solite cose" che i soldi non comprano.
Fini lancia la sua corrente con un video, mentre la Lega non parteciperà ai festeggiamenti per l'Unità d'Italia.
Il PdL propone che agli autisti delle auto blu non vengano tolti punti per infrazioni stradali.
La Grecia è sull'orlo del crack.
I carburanti continuano a slaire, ed è così facile intuire chi pagherà parte dei lavori che la BP (vedi sopra) dovrà eseguire per risolvere il problema sulla piattaforma al largo della Louisiana.
Insomma, sempre le stesse cose, e ci si stupisce perchè uno decida, per un giorno, di fottersene e sognare solo il momento in cui tornerà a casa dal lavoro, e ad accoglierlo troverà sua moglie e sua figlia? in più splende il Sole, dopo una notte di temporale, e l'aria è pulita.
E allora che si fotta il mondo, sono stanco di leggere sempre le stesse cose.
Saluti