mercoledì 11 dicembre 2013

Dall'Antipolitica all'antistato

Per Grillo, comico di professione e fomenta popolo a tempo perso, il passaggio è davvero breve e quasi naturale. Nulla conta l'instabilità che ciò comporta, e nulla conta il rispetto per posizioni diverse (non dico avverse, ma "diverse"). D'altronde le liste di proscrizione comparse sul Blog del comico genovese si commentano da sè, e le posizioni espresse da molti "cerebroslavati" anche.
Cavalcare l'onda della protesta dei forconi è un gioco pericoloso, perchè di per sè alimentata anche da frange violente e organizzate (ultras, mafia, ecc), e non peno pericolosa è la mossa squallidamente pre elettrorale del Cavaliere, che oggi incontrerà una delegazione di camionisti (solite promesse, solito cliche, solito sostegno a micro lobby all'italiana).
L'Italia è stanca di questi giochetti e gli italiani ancora di più, ecco perchè il rinnovamente del PD e della politica in generale deve essere rapido e incisivo, così come la risposta di un Governo che ci deve delle azioni concrete (con un PD che spinga), in tempi brevi.
Per il resto noi, gente comune, non possiamo che attendere con quel po' di fiducia che ci resta, senza farci trascinare nella mischia da chi persegue solamente un fine personale e destabilizzante.

Saluti

lunedì 9 dicembre 2013

Primarie PD 2013: Grande Vittoria

Bene, e adesso mettiamoci al lavoro. Le Primarie di ieri sono state una vittoria su tutta la linea, nulla a che vedere quindi con gli sparuti numeri delle Primarie della Lega Nord o delle Parlamentarie del M5S (che per altro ci definisce "melma putrida" e "pecoroni", con la solita dialettica distensiva). Sono state una vittoria per l'affluenza, oltre ogni previsione. Sono state una vittoria contro gli apparati, usciti sconfitti (finalmente) dalla nuova generazione. Sono state una vittoria per le speranze e la voglia di fare di milioni di italiani.
Personalmente ho votato Civati, Cuperlo proprio non lo digerivo, e Renzi non mi ha mai convinto. Ma adesso è finita, si è votato, Renzi a vinto e gli altri perso, quindi al lavoro. E spero che Matteo ci si metta subito, fin da oggi, per mettere in pratica quello che ha comunicato ieri, nell'accorato discorso di "insediamento", e per dimostrare che la politica e i suoi ideali (soprattutto quelli di Sinistra) non sono morti.

Saluti