domenica 5 agosto 2012

Grillo contro i cinque... cerchi

Ci mancavano solo i Giochi Olimpici a catalizzare una nuova scarica di improperi del comico genovese. Dopo le sue mille uscite, alcune delle quali assolutamente discutibili (almeno a mio giudizio), ora Grillo ci si mette anche contro le Olimpiadi definendole "bromuro sponsorizzato dalle multinazionali". Beh, Sig. Grillo, è facile sparare a zero senza alcun confronto o contradditorio, è fin troppo semplice distruggere tutto quello che sta attorno, annichilendolo con la presunzione dello sputa sentenze, senza in cambio offrire alcuna ricetta per migliorare le cose. Da sportivo praticante, che proprio grazie alle Olimpiadi di Seoul del 1988 ha scoperto l'amore per lo sport e per l'Atletica Leggera, trovo triste e deprecabile che una persona come Lei, con il "potere" che si ritrova fra le mani, invece che dedicare il suo tempo a dispensare soluzioni e speranze, preferisca invece distruggere i sogni delle migliaia di sportivi che, per una vita intera, inseguono la chimera della realizzazione olimpica. Lo trovo assolutamente irrispettoso. 
Certo, le Olimpiadi come qualsiasi grande manifestazione saranno probabilmente gestite e finanziate dalle multinazionali, magari ci saranno pure di mezzo la mafia, la camorra o qualche oscura congrega massonica, ma lo spirito che muove gli atleti è intoccabile e merita rispetto.
Per quanto i riguarda ha perso un'altra buona occasione per starsene zitto.

Saluti

Nessun commento: