mercoledì 8 febbraio 2012

Basta ricatti dai partiti minori

Basta, sono stanco di vivere in un sistema nel quale i partiti minori, quelli del sì e no il 6%-8%, possono permettersi di ricattare i maggiori ed imporre andamenti su scelte decisive per il Paese. Voglio chiarire: non credo in un bipolarismo spinto (all'americana, per intenderci), perchè credo che in Italia sia impossibile da ottenersi, ma sono stanco di sentir parlare, prevalentemente, di Lega e Terzo Polo come di coloro che possono decretare l'esito delle elezioni o la caduta di un Governo. Non dimentico, ovviamente, che uno dei Governi Prodi cadde per colpa di Rifondazione.
Quella centrista, per sua stessa genesi, trovo sia una posizione che dovrebbe sparire dall'atlante politico. E con questo non voglio certo mancare di rispetto a chi sostiene queste posizioni politiche, ma trovo anche che tali posizioni siano semplicemente un gioco di equilibrio teso alla maggior covenienza a breve termine e non al bene del Paese.
La Lega, poi, che la smetta di urlare diktat, perchè per due decenni ha governato senza grossi risultati, ed ora gioca a fare la dura e pura solo perchè si sta rendendo conto, che il suo elettorato si è rotto le scatole. Diciamoci le cose come stanno.
Bene la pluralità di visioni, bene la commistione di idee, bene la miscela culturale, ma alla fine è necessario trovare un sintesi e chi pesa il 6% dovrebbe accettare di valere, nel ragionamento finale, il 6%. Questo non lo chiede solo il buon senso, ma anche e soprattutto il momento storico in cui già la politica, che gode di pochissima credibilità, dovrebbe capire che la litigiosità e l'arraffare spazio teso solo alla sopravvivenza e non al bene comune è ormai una pratica morta e sepolta.

Saluti

giovedì 2 febbraio 2012

Evasione fiscale: la combattiamo?

Finalmente vedo muoversi qualche cosa. Non so se si tratta solamente di propaganda o azioni spettacolari, per gettare fumo negli occhi dei cittadini, ma le ultime ondate di controlli (Cortina, Portofino, Milano, Roma), trovo siano un bel segnale e, da questo punto di vista, mi faccio gettare fumo negli occhi ben volentieri.
In effetti, ora che finalmente abbiamo un Governo con una sua dignità (criticabile quanto si vuole, ma su questo aspetto bisogna dare a Cesare quel che è di Cesare), e che finalmente si sta iniziando una seria lotta all'evasione fiscale in ogni sua forma, non capisco gli argomenti e le lamentele dei disfattisti cronici, che si lamentavano sotto Berlusconi perchè non si faceva nulla, e si lamentano anche adesso etichettando i controlli a tappeto come "propaganda di regime". Ma che discorsi sono? d'accordo, forse a volte si tende a pubblicizzare un po' troppo queste azioni (telecamere in presa diretta, microfoni nascosti, dirette televisive), ma credo sia un segnale importante anche a sostegno (psicologico), di chi paga le tasse con regolarità e, direi, con senso civico.
Quindi, per quanto mi riguarda, avanti così.

Saluti