giovedì 22 aprile 2010

Volere Volare

Nei cieli d'Europa si torna a volare. Ben presto ricominceremo ad avere sopra la testa circa 28.000 velivoli (media giornaliera), per il blocco dei quali le compagnie aeree, gli aeroporti, gli hotel, e chi più ne ha più ne metta, già chiedono danni e soldi allo Stato. Ma perchè, mi chedo? insomma, in quanto aziende, considerano nel bilancio i "danni collaterali", il cosiddetto Rischio d'Azienda. Perchè dovremmo essere noi a pagarlo? Ricordo che chiedere soldi allo Stato equivale a chiederli a noi, anche se ormai ben pochi se ne rammentano. Curioso come, in tutto questo casino, nessuno spenda nemmeno una parola per l'inquinamento mancato, per i cieli un po' più sgombri.
E a proposito di Volere Volare, finalmente l'Essere Politico di Fini sta esplodendo, nel vuoto pneumatico espresso dal Cavaliere in fatto di programma e prospettiva politica. Forse nel 1994 Berlusconi poteva permettersi di proporre un'idea nuova, incarnando il sentimento di milioni di elettori. Ma ormai, a distanza di sedici anni, la formula è andata smarrita, il Presidente Assoluto è vecchio, così come lo sono il suo partito e la sua offerta politica. Finanza? niente. Politiche Sociali? men che meno. Lavoro? boh. Economia? nisba. Si parla esclusivamente di magistratura e televisioni. Forse di questo Fini inizia ad averne le scatole piene.
Perchè, anche nel Centro Sinistra, nessuno inizia ad averne le scatole altrettanto gonfie?

Saluti

Nessun commento: