martedì 23 novembre 2010

Non toccate il 5 per Mille


Come sempre, le più grandi e pirotecniche crisi del Governo Berlusconi fungono da copertura per provvedimenti che la gente è meglio non noti.
L'ultimo in ordine temporale è il tetto previsto al 5 per Mille.
In nome del solito fantomatico Patto di Stabilità, che ormai è diventato un calderone entro cui buttare di tutto di più, è alla lettura dell Camera dei Deputati una legge che, fra le altre cose, impone un tetto al 5 per Mille da destinarsi alle associazioni di volontariato, umanitarie, ONG. Questo, secondo fonti Emergency, ridurrebbe di circa il 75% i fondi a disposizione per l'anno prossimo rispetto a quanto ottenuto nel 2010 (questo il link al sito Io Non Ci Sto, dove potete firmare anche l'appello di Emergency).
Certo, se il Governo chiarisse dove vanno a finire i soldi dei tagli selvaggi che si stanno operando da ormai diversi anni, forse la gente accetterebbe la situazione, ma se oltre al danno (non posso più nemmeno decidere dove mandare i mei soldi), ci si mette anche la beffa (queste modifiche vengono fatte di nascosto di modo che non se ne sappia nulla), allora non ci si deve stupire se poi scoppia la rivoluzione.

Saluti

1 commento:

the muffin woman pat ha detto...

ma magari scoppiasse.magari.
ma la gente è troppo impegnata a guardare "uomini e donne". o sapere se a sara scazzi poteva piacere la pasta con il podoro.

a volte vorrei vivere sulla luna o essere nata nell'età della pietra.