martedì 16 novembre 2010

Viani via con me: seconda serata

Grazie a Fazio e Saviano che parlano di cose scomode.
Grazie perchè si chiacchiera, fra satira e serietà, di temi essenziali come la libertà di scelta, di diritto alla vita, ma anche alla morte.
Grazie perchè la mafia è dappertutto e non è solo un fatto da "terroni".
Grazie perchè si mostra quella parte laboriosa ed onesta dell'Italia, che pretende chiarezza a fronte di sacrifici quotidiani.
Grazie perchè il lavoro non è una cosa scontata e dà dignita a uomini e donne.
Grazie perchè si parla di politica, quella che interessa alla gente.
Grazie perchè il servizio pubblico, così come in altri rari casi, trova la sua realizzazione.

Saluti

6 commenti:

Charlie68g ha detto...

tante belle parole
però quello che si avverte oggi è l'esigenza di qualcuno che cominci davvero a muoversi avendo a cuore il bene dell'italia e degli italiani e non il proprio tornaconto personale

andreacamporese ha detto...

Caro Charlie non essere cinico: mi pare che nessuno, ieri sera, abbia parlato per proprio tornaconto personale... a parte forse i due politici di punta.
Questo però per dire che la società civile ha energia da vendere, e si riscopre propositiva e "pulita".
Saluti

luly ha detto...

Grazie a Fazio e Saviano, perché in due ore di trasmissione, ci hanno permesso di respirare a pieni polmoni. Grazie da terrona.

@enio ha detto...

@charlie68g

hai ragione: tante belle chiacchiere...

nonno - enio ha detto...

Maroni si è offeso perchè giustamente dice che la lega è da anni che denuncia questo problema, andatevi a rivedere un pò le cose

Insomma, Saviano è l'ultimo arrivato dell'antimafia, adesso vuole fare tutto lui, perchè gli altri son tutti mafiosi

Denota inoltre una scarsa capacità di analisi: la Lega oggi è fortissima al nord, ma è così da poco, la mafia preferisce il potere stabile e intoccabile, la politica dei palazzi nascosti ai cittadini e non i gazebo, parole come quelle di Saviano denunciano una profonda ignoranza sul movimento lega nord

andreacamporese ha detto...

@enio
Io non sono un magistrato nè uno studioso di fatti mafiosi, ma due delle cose che insegnano da sempre sul Crimine Organizzato sono queste:
1) La Mafia c'è dove ci sono soldi, ed i soldi grandi si fanno nell'edilizia degli appalti pubblici (ahimè, la mia società ci lavora e sò quel che dico...), soprattutto al Nord;
2) La Mafia, oltre al potere politico, cerca anche e soprattutto potere "temporale", economico, cerca mercato, e per raggiungere tale obiettivo ogni alleanza è buona.
In fin dei conti anche la Lega è fatta di uomini, e non mi stupisce che qualcuno di loro possa "inciampare" in una cosca, al Nord.
Aggiungo infine che se la Lega fosse così dura e pura l'alleanza con Berlusconi non avrebbe retto più di un mese. Per lo meno gli avrebbero chiesto a gran forza di andare a testimoniare la sua eventuale estraneità a fatti mafiosi, di chiarire le illazioni.
Ed invece silenzio.
Io questa la chiamo connivenza.
Saluti