giovedì 27 gennaio 2011

Giornata della Memoria

Oggi è il Giorno della Memoria, per non dimenticare i lager nazisti, gli eccidi di massa, gli orrori delle guerre.
Questa giornata non dovrebbe essere soltato il giorno di alcuni, ma di tutti, perchè certi valori dovrebbero essere universalmente condivisi e riconosciuti, indipendentemente dal colore politico o della pelle.
Attraverso questa Società Pensante mi piacerebbe invitare i genitori (ormai parlo come tale), ma non solo, a portare i propri figli nei campi di concentramento nazisti: la visita è dolorosa e non certo di piacere, ma profondamente istruttiva. Io personalmente sono stato a Mauthausen e Dachau, ed il senso di oppressione che si prova quando si entra nelle "docce" o nel seminterrato con i forni crematori non si può descrivere: deve essere provato.
Saluti

1 commento:

luly ha detto...

Memoria è giustizia. Memoria è cultura. Sono con te.