venerdì 7 gennaio 2011

Led, Stand-By e Consumi Energetici

Anche la Società Pensante, prima o poi, doveva occuparsi dell'annosa questione dei consumi energetici derivanti da tutte quelle lucine rosse o verdi che, di notte, fanno sembrare le nostre case come degli alberi di Natale, nonostante gli elettrodomestici siano spenti.
Il televisore, lo stereo, il lettore CD e/o DVD, il computer, i monitor, ecc, una volta spenti mantengono un led acceso, il famoso "stand by", ad indicare che sono pronti per essere riaccesi, senza dover attendere le lunghe procedure di avviamento dettate dall'elettronica. Queste piccole lucine, che ormai sono diventate la consuetudine, sono foriere di consumi elettrici che nemmeno sospettiamo. O forse sarebbe meglio dire: che conosciamo benissimo ma che siamo troppo pigri per evitare.
La Norma Europea 2009/125/CE (Eco Design Directive for Energy Using Products, più spesso nota come EuP), a partire dal 7 Gennaio 2010 limita a 1 W la potenza dei led indicatori dello stand by, che dovrà essere ulteriormente abbattuta a 0,5 W a partire dal 7 Gennaio 2012.
Fino al 2010, però, tali led arrivavano a consumare fino a 2 W di potenza.
Se consideriamo che in un anno ci sono 8.760 ore, e che i nostri elettrodomestici preferiti restano in stand-by per almeno la metà del tempo (quante ore al giorno usiamo computer, televisore, stereo?), si può facilmente calcolare che i consumi per ciascuna di queste lucine si aggirano sugli 8-9 kWh/anno, probabilmente anche di più. Certo, il numero può sembrare ridicolo, ma se moltiplicato per il numero di led che abbiamo in casa e per il numero di case che ci sono in Italia, capiamo bene che razza di contributo può dare ognuno di noi al consumo energetico.
La soluzione è semplice: vincere la pigrizia e spegnere gli elettrodomestici con il tasto on/off ogni qual volta non li usiamo.

Saluti 

2 commenti:

@enio ha detto...

Siamo sicuri di quello che scrivi? Per un led comunque a grandi linee l'assorbimento sarà una decina di milliampere con una tensione ai suoi capi di un paio di volt, avremo un consumo di 20 milliwatt. Per volerlo far funzionare a 5 volt bisogna inserirgli in serie una resistenza da 300 ohm che dissiperà altri 30 mW, quindi per un led acceso sono 50 mW. E' sempre consumo mi dirai, ma per arrivare ai tuoi 2W ce nevogliono di ore. Io c'ho mio nipote di 5 anni che quando viene a casa nostra (gle lo insegnano le maestre) spegne tutte le lucine che vede accese dal PC a quelle dello stereo.... e dopo io credo che non funzionino più....

andreacamporese ha detto...

Quello che riporto è la normativa citata ed i calcoli sono fatti sui consumi massimi, rispetto alla potenza installata.
Per il nipotino... eh eh eh, bene che le nuove generazioni siano istruite in questo senso.
Saluti