domenica 22 febbraio 2009

La prospettiva politica delle ronde

Dario Francheschini è il nuovo segretario del PD.
C'era un popolo giovane ed innovatore che chiedeva una svolta importante all'interno del Partito, che chiedeva di uscire dalle solite vecchie logiche di potere, che chiedeva rinnovamento e accelerazione verso temi importanti, che chiedeva chiarezza su tematiche ancor più fondamentali, che chiedeva "o dentro o fuori", senza mezzi termini. Ed invece ha vinto la linea del "non cambiamo nulla, per carità", quindi niente elezioni nè congresso, se non ad Ottobre quando, molto probabilmente, verrà riconfermato Franceschini perchè, si sà, queste cose vanno così.
Ha vinto Franceschini, che dichiara "Non entreremo mai nel Partito Socialista Europeo, ma non potremo stare in un luogo dove i socialisti non ci sono", che è la summa della filosofia democristiana: tutto e niente, quindi immobilità.
E mentre si prospetta sempre più la sagoma della Balena Bianca, all'orizzonte, e temi importanti come il testamento biologico non si sa bene come verranno affrontati, la destra approva le ronde con il nuovo Ddl sulla sicurezza.
Berlusconi non è d'accordo a chiamarle "ronde", anche se a giudicare dall'apologia che di lui fa Libero c'è da restare di stucco, basiti, forse terrorizzati: "... Berlusconi a sorpresa lancia la proposta di nazionalizzare gli istituti. Come fece Mussolini che salvò l'Italia ...", nel senso che invece di "ronde" forse Berlusconi preferirebbe il termine "squadre" o "squadroni".
Ad ogni modo mi pare che 'sta pensata delle ronde, che già era stata proposta dalla Lega con la "Guardia Padana" (qui trovate addirittura il sito internet), e a suo tempo bocciata a livello nazionale, rientri in un disegno d'insieme del Governo (leggi P2), secondo cui si tenta di minare sempre più in profondità lo stato di diritto. Prima la magistratura, poi la sicurezza, quella reale, determinata dalle forse dell'ordine. Taglio ai fondi, niente più benzina per le auto e ronde in sostituzione.
La prospettiva politica delle ronde, allora, è quella di far sì che il cittadino si indentifichi sempre più con uno Stato fai-da-te: invece che diffondere la cultura dell'appartenenza e della res publica, si diffonde la cultura dell'arrangiarsi e del piccolo orticello, anche per quanto riguarda la sicurezza. Lentamente involveremo verso i vecchi Comuni o, forse peggio, resterà una Repubblica di facciata dominata però da un Dittatore autarchico e totalitario, per il quale sarà meglio tenere il cittadino nell'ignoranza e nella convinzione che lo Stato non esista.
Agghicciante.

Saluti

10 commenti:

Punzy ha detto...

si, resterà la facciata democratica governata da un nano autarchico e arrogante.
In qualche modo, credo che glielo stiamo permettendo

pia ha detto...

Da quando ho l'uso della ragione (...ho passato da poco i 50) mi sarei aspettata di tutto ma non di arrivare a questi punti, visto che sono cresciuta con un'educazione antifascista e li consideravo tempi finiti per sempre.
E invece ci siamo dentro fino al collo.

il monticiano ha detto...

Forse sarò un po' ingenuo o invece lo faccio, ma non sarebbe stato meglio dirottare quei fondi (perchè i "rondinetti" saranno retribuiti, vero?) verso le forze dell'ordine: PS, CC, GdF etc? E a cambiare le funzioni dei suoi componenti togliendoli dagli uffici e dalle scorte per farli scendere in "campo".

andreacamporese ha detto...

Peggio ancora, Monticiano, credo che le ronde siano del tutto volontarie, quindi non pagate Peggio ancora, perchè se così fosse saranno del tutto destrutturate e non avranno nulla a che vedere con le organizzazioni relative all'ordine pubblico. Scollegheranno ancora di più i cittadini dallo Stato.
Saluti

Confinidiversi ha detto...

La nomenclatura gerontocratica della prime due file al congresso del PD è l'istantanea del fallimento di una polita che dura da un decennio.
Sulle ronde, sì, sono volontari...se poi, un giorno, disgraziatamente, scapperà il morto, causa loro, ne vedremo delle belle...

andreacamporese ha detto...

Forse, Confinidiversi, l'immagine da te scelta come distintiva (V) sarà a quel punto profetica. Inzia e si instaura una dittatura, dettata dalla crisi economica, dalla paura, dal senso di insicurezza. Iniziano le ronde, che assumono sempre più potere; ronde di spie e delatori. Poi ci scappa il morto, ed allora sarà rivoluzione, proprio come V Per Vendetta ci insegna.
Saluti

Minu ha detto...

mi fanno più paura le ronde che non i farabutti... temo che alla fine gli uni si fonderanno con gli altri.
dopo l'istituzione delle ronde il coprifuoco e l'olio di ricino

progvolution ha detto...

le ronde sono la conseguenza logica dello ideologia privatista della destra italiana: meno Stato, meno regole, meno legge. "Non vogliamo investire il denaro in nulla di realmente pubblico: arrangiatevi, difendetevi".
Sussurri obliqui

Confinidiversi ha detto...

sì, il riferimento era proprio quello!

alexilgrande ha detto...

Per quanto riguarda il PD: A me Franceschini e il nuovo partito piacciono talmente tanto che alle prossime elezioni è SICURO che voto IDV.