lunedì 9 febbraio 2009

Silenzio

Silenzio, vi prego, silenzio.
Oggi, verso le 20.11, si è spenta Eluana.
Io non ho mai scritto gran che su questa faccenda, bombardato da destra e da sinistra da ogni sorta di giudizi, pregiudizi, pensieri, critiche, acidità, cattiverie, barbarie, appoggi, solidarietà.
In questi mesi mi sono vergognato di essere un italiano, prima di tutto, e poi un essere umano, per l'ignoranza dimostrata dalla maggior parte della gente che ha affrontato, in maniera del tutto inopportuna e fin troppo chiassosa, un tema estremamente delicato che avrebbe invece meritato esclusivamente silenzio.
Già solo il fatto che tutta la vicenda sia stata ribattezzata ormai da tempo "Il Caso Englaro", pone alla stregua di una strage di Mafia, di un processo alla P2, di un indagine su poteri occulti la vita di una persona che, forse, non chiedeva altro che morire in pace.
Dico forse perchè in realtà non lo sapremo mai con certezza. Dico forse perchè, a conti fatti, solamente a suo padre, che ha seguito la figlia per questi 17 anni di coma, sarebbe toccato in sorte (ed in diritto) di poter decidere e giudicare.
Purtroppo la bestia umana ha scelto da fin troppo tempo di mettere zampini etico-morali su questioni di questo tipo, senza rispettare assolutamente la libertà di scelta e l'autodeterminazione del singolo. Certo le rivoluzioni si fanno attraverso traumi e violenti scontri, e forse questo ne è un esempio
Ecco dunque in conclusione cosa dovrebbe fare uno Stato progressista e realmente democratico: dare la possibilità ai cittadini di scegliere. Non impicciarsi delle loro scelte o tentare di sovvertire sentenze, ma dare semplicemente agli individui le carte per poter scegliere, in totale libertà e coscienza.
Questo e solo questo dovrebbe fare uno Stato degno di questo nome, il tutto accompagnato da un grande e rispettoso silenzio.
Saluti

4 commenti:

pia ha detto...

Bravo, hai detto tutto quello che c'era da dire.
Ora il volo e il silenzio.

amatamari ha detto...

E' cosi'.
Grazie

La Mente Persa ha detto...

Non la lascieranno in pace.
Il suo volto sarà ancora strumentalizzato...
gio

confinidiversi ha detto...

Ma siamo sicuri, di essere uno Stato degno di questo nome?..
dubbi e riflessioni.