giovedì 10 dicembre 2009

Cosentino: atto secondo

Mi ero già interessato al Sottosegretario all'Economia Nicola Cosentino (qui il mio intervento), probabile candidato alla Regione Campania per il PdL, ed alla richiesta di rinvio a giudizio per collusioni con la Mafia. Fino ad oggi la cosa era poi scomparsa dai quotidiani. Fino a oggi, ripeto, quando, dando un'occhiata all'Unità on line, ho letto la notizia: "Cosentino, l'aula nega l'arresto del sottosegretario".
Riassumo: la richiesta d'arresto del Sottosegretario è stata messa i voti della Camera dei Deputati che, in un modo o nell'altro, si è dichiarata contraria con voto segreto alla cosa.
Dato che non mi risulta sia in vigore l'immunità parlamentare, mi chiedo per quale motivo l'arresto di un deputato debba essere messo ai voti in Parlamento, come a dire: se il deputato appartiene alla maggioranza si salverà se appartiene all'opposizione no.
Vorrei una persona qualsiasi che provi ancora a convincermi che la Legge è uguale per tutti.

Saluti

3 commenti:

Archimede ha detto...

la legge è uguale per tutti ultimamente non funziona.

Archi

Un matto ha detto...

La legge, caro Andrea, non è uguale per tutti e non lo sarà mai...per alcuni è più uguale che per altri...chi è al potere comanda e fa i propri interessi destra o sinistra non conta; il vero Comunismo è solo nei libri e li rimarrà, questo ci insegna la storia, e allora che fare? Non lo so... sono stanco. E tu oltre a sfogarti sul tuo Blogger cosa fai?

andreacamporese ha detto...

Caro Matto, oltre che a sfogrami sul blogger intrapendo tante piccole azioni quotidiane che, temo, siano del tutto inutili, gocce nell'oceano.
Cerco di risparmiare acqua e carburante, chiedo sempre lo scontrino o la fattura, e mi incazzo con quanti, in autostrada, by-passano la coda superando a destra o immettendosi all'ultimo nelle corsie di uscita, come a dire: voi che fate la coda siete dei poveri scemi.
D'altro canto la condanna a Corona un po' mi rincuora, anche se sà tanto di "figliol prodigo abbandonato perchè ha esagerato".
Saluti