martedì 2 marzo 2010

La Sindrome dell'Onnipotenza

Leggo il giornale e non capisco cosa stia succedendo.
A Roma, la lista della Polverini è stata esclusa da Roma e Provincia per un ritardo nella presentazione delle liste, ritardo imputiabile a tal Alfredo Milioni, presidente PdL del XIX Municipio di Roma, che sarebbe uscito a mangirsi un panino. Milioni è un politico navigato, si dice, quindi non ci si capacita di come abbia potuto sgarrare su una cosa così importante.
Di contro in Lombardia la Corte d'Appello di Milano ha annullato la candidatura della lista "Per la Lombardia" di Roberto Formigoni, accogliendo un ricorso presentato dai Radicali. Motivo? 514 firme sarebbero risultate non valide per la mancanza di timbro e data.
Allora mi chiedo: c'è una qualche forza oscura che sta lavorando nell'ombra? oppure questa gente, che da quindici anni detta legge nella vita politica ed amministrativa italiana facendo man bassa ad ogni occasione elettorale, soffre ormai di Sindrome di Onnipotenza, convinta di poter vincere sempre e comunque e, di conseguenza, di poter fare ciò che vuole, quando vuole?
Qualche faccia di bronzo, degli ambienti romani, in riferimento all'esclusione della Polverini ed al ricorso del PdL alla Corte d'Appello di Roma, dichiara: "Spero che prevalga il buonsenso e che i cittadini romani possano esercitare un diritto sancito dalla Costituzione".
Ma qui, signori, non si tratta nè di buon senso nè, tanto meno, di Costituzione. Si tratta di regole! se si presentano in ritardo le liste, si è fuori dai giochi, così la prossima volta gli elettori sapranno a chi stanno affidando il Paese.

Saluti

Nessun commento: