venerdì 13 agosto 2010

Veneto Stato?

A quanto pare Luca Zaia ci sta provando. Il mio Veneto, per l'ennesima volta, viene trasformato nel test-lab della Lega e delle sue paranoie secessioniste, da uno Stato centrale, che pero', nell'azione di Governo, Bossi & Co. continuano a salvare e salvaguardare nella sua componente piu' "ladrona" (per usare un gergo caro a Umberto).
Ora Zaia presenta la bozza della carta regionale (Veneto, Molise e Basilicata sono le uniche regione a non possederla), dove si sancisce innanzitutto il trasformarsi del Presidente di Regione in Governatore e, in secondo luogo, si aprono vie preferenziali nella burocrazia e vita quotidiana, a chi dimostri "particolari e saldi legami con il territorio".
Leggi: se sei veneto avrai vita piu' facile.
Come detto, tuttavia, credo che il vento stia lentamente cambiando, e che la gente cerchi risposte un po' piu' concrete dalla politiche invece della solita propaganda ad alzo zero.
Ecco quindi, che quanto ho segnalato nel mio ultimo post (logo della Lega Nord, lungo la A4, coperto da un enorme Smile), assume forse un significato sempre maggiore.
Saluti

1 commento:

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

Io resto preoccupato in quanto temo che elezioni anticipate potrebbero cmq rivedere Berlusconi trionfante. D'altro canto un governo per le riforme (segnatamente quella della legge elettorale) lo trovo altrettanto pericoloso e forse anche poco costruttivo.

Insomma, da qualunque parte lo si osservi, al momento non é molto roseo il panorama che abbiamo davanti. Concordo che cmq forse molti si stiano stancando della Lega. Ma sapere a chi potrebbero finire questi voti resta un dilemma...