giovedì 9 settembre 2010

Vita Politica e Vita Reale

Il Governo perde i pezzi. Sembra un film dell'orrore, dove un'operazione plastica mal riuscita lascia il paziente sfigurato, con un orecchio caduto sotto al tavolo, una guancia cadente, il labbro inferiore mezzo staccato.
Fini ormai sta volando verso altri lidi, e nonostante tutto il Governo tenda a minimizzare la cosa, credo se la stia facendo sotto. Ed io con lui. Perchè purtroppo non si vede la luce in fondo a questo tunnel, con Bossi che ora inizia a spintonare per andare ad elezioni, dopo che nel giro di un mesetto aveva confermato e smentito almeno tre volte la necessità di andare al voto, Berlusconi che pretende di restare saldamente in carica, visto che secondo lui è stato il Popolo Italiano a metterlo lì (ma noi non siamo una Repubblica Parlamentare ed il Premier viene scelto dal Presidente della Repubblica?!?), ed un centro sinistra che, tanto per cambiare, pare stia facendo a gara per innervosire i suoi elettori e rendere sempre meno appetibile un'alternativa a Berlusconi.
Questa la Vita Politica.
Nella Vita Reale, intanto, il contratto metalmeccanico viene stracciato dagli Industriali. Come in tanti (troppi) temevano le iniziative da imprenditore dell'Ottocento di Marchionne hanno creato un precedente, ed ora l'Associazione Industriali ne approfitta e ci si butta a pesce, con buona pace dei diritti dei lavoratori, soprattutto degli operai (ma solo per ora). E la Politica cosa dice? che fine ha fatto? chi alza la voce cercando di riportare tutti alla ragione e l'attenzione sulle problematiche reali che affliggono il Popolo, come istruzione, lavoro, sanità?
Purtroppo solo qualche sparuto personaggio.

Saluti

Nessun commento: