lunedì 14 febbraio 2011

Padova: Se non Ora Quando?

Ieri è stata la giornata delle manifestazioni. La giornata della Piazza che, dopo tanto tempo, torna ad essere protagonista quale radice comune di quella parte della Società, che non si riconosce nei valori da super macho del Presidente, che crede che le donne debbano avere pari diritti e dignità rispetto agli uomini, che coltiva alcuni valori fondamentali di uguaglianza e rispetto, ormai (dis)persi da una certa politica.
Io c'ero, con mia moglie, con mia figlia, con mia mamma e tanti tantissimi amici. Perchè la protesta è intergenerazionale, perchè speriamo che, sull'onda degli Stati Uniti prima e dell'Egitto poi (anche se non in maniera così violenta), si possa finalmente mettere la parola fine a quello stupro politico e sociale rappresentato da Berlusconi.
L'atmosfera era festosa, anche se pacata e, in un qualche modo, preoccupata. Sul palco di Piazza dei Signori si sono susseguiti interventi e musica, perchè è anche sulle note di qualche canzone che si può spiegare alla gente il proprio punto di vista. Ma quel che più conta, è che ieri non ci sono stati partiti. Appartenenze ideologiche sì, ma sigle e simboli no, a dimostrare che, al di là degli schieramenti, la gente può e vuole organizzarsi per migliorare questo nostro Paese offeso e vilipeso da anni di pessima politica.
Saluti

1 commento:

Salvador Agusta ha detto...

Sono contento che ci sia stata questa manifestazione anche se però non ne ho capito bene il senso,era protesta politica, sociale, culturale, un pò di tutto ??
Gli italiani sono totalmente confusi