giovedì 3 settembre 2009

Sei tu Libertà?

Il momento è critico. Un susseguirsi senza precedenti di attacchi plateali e perpetrati alla luce del Sole contro non solo la libertà di stampa, ma contro tutto quanto implichi libertà di pensiero ed opinione, si sta producendo nel nostro Paese. Il mandante è solo uno: Silvio Berlusconi.
Per non creare malintesi, ci tengo a distinguere libertà ed anarchia, e voglio essere chiaro nel ribadire, che debbano esserci regole del gioco chiare ed uguali per tutti, anche nei rapporti e nell'espressione pubblica del pensiero personale.
Detto questo, l'escalation del Presidente del Consiglio, evidentemente terrorizzato e stretto alla corda, ha precedenti forse solo nel Fascismo.
Riassumiano, giusto per lasciare traccia di quanto accaduto.
Il 2 Dicembre 2008 i direttori de La Stampa (Giulio Anselmi) e de Il Corriere della Sera (Paolo Mieli), rilevano il conflitto di interessi dietro la decisione di inasprire l'iva per Sky (forse unico competitor di Mediaset sul digitale). A seguito di questa azione "fuori controllo", viene espresso il primo grande editto di quest'ultima stagione "I direttori di giornali come La Stampa e Il Corriere della Sera dovrebbero cambiare mestiere", commenta Berlusconi.
Il 6 Aprile 2009 Mieli lascia il Corriere ed il 20 Anselmi abbandona la Stampa.
Nel Febbraio di quest'anno Mentana aveva lamentato il negato spazio per raccontare la vicenda di Eluana Englaro: Il Grande Fratello aveva avuto la meglio.
Mentana si critica e perde il posto.
L'escalation procede, e nell'ultimo mese Boffo, direttore de l'Avvenire (un giornale non esattamente comunista), è oggetto di un attacco giornalistico e mediatico, per aver criticato la condotta morale del Premier. Le accuse a suo carico? è Gay, come se questa fosse una delle colpe peggiori, e gettando così benzina sul fuoco incrociato già preoccupante nei confronti delle comunità gey di Roma.
Al fronte inedito contro il Vaticano, si aggiungono quello contro la carta stampata (il semplice e naturale proseguimento di quanto già accaduto), e l'Europa.
Repubblica si becca una denuncia per le famose 10 domande, e proprio ieri anche l'Unità viene citata con una richiesta di risarcimento pari a 2 milioni di euro: dietro all'azione legale c'è evidentemente il tentativo di chiudere la testata.
Berlusconi, tramite i suoi legali (il padovano Ghedini in testa, e questo mi fa vergognare della mia città), fa sapere di voler intraprendere azioni legali anche contro alcune testate giornalistiche.
Considerando che oggi dedicano articoli al nostro Presidente del Consiglio, in ordine sparso, Nouvel Observateur, Le Monde, Liberation, The Indipendent, The Guardian, Reuters, Irish Times, El Pais, El Mundo, La Vanguardia e la Tribune de Geneve, penso che le denunce fioccheranno.
Non soddisfatto, e in completo delirio di onnipotenza, Berlusconi intima anche alla UE di stare zitta e non criticare le politiche di governo rispetto ad informazione ed immigrazione altrimenti, e qui la minaccia, sarà blocco dell'Unione.

Ci vogliamo rendere conto del livello cui siamo arrivati? ci vogliamo svegliare? fino a qualche tempo fa alcuni parlavano di dittatura morbida. Io credo che sia ora di parlare di rischio di dittatura in piena regola.
A me hanno insegnato che la libertà non è una cosa scontata, che ci sarà sempre qualcuno pronto a togliercela. Per la libertà si deve lottare, talvolta combattere e morire, ed il passato ed il presente sono pieni di esempi di questo tipo. Fino a che punto dovremo arrivare, noi italiani, per renderci conto del rischio che ora, seriamente, stiamo correndo? riusciremo a scordare tutto con un bel Reality o questa volta, forse, decideremo di non chiudere gli occhi e di alzare quindi la nostra voce?
Tanto per cominciare il 19 Settembre è stata indetta una manifestazione dalla Federazione Nazionale della Stampa, con l'appoggio di Arci, Anpi, Articolo 21, le Acli e Giustizia e Libertà.
Staremo a vedere.

Saluti

7 commenti:

En ha detto...

i fatti gravi? il processo stasi e l'influenza dei maiali di 'sto cazzo.
siamo un paese di merda ed abbiamo solo quel ke ci meritiamo.

the muffin woman pat ha detto...

io mi spavento quando leggo queste cose.
forse saranno i maiali a governarci un giorno dopo averci sterminati con l'influenza.
ah no. già ci governano.
pradon.

pia ha detto...

Aspetto l'implosione.

calendula ha detto...

un paio di mesi fa Massimo D'alema ha detto che sta per scoppiare il botto... non che io lo stimi in maniera particolare ma di una cosa devo dargli atto quando dice una cosa in genere poi succede..( sarà che ha le mani in pasta dapperttutto) quindi io aspetto... e spero che per il mio compleanno mi facciano un bel regalo BERLUSCONI FUORI DALLE SCATOLE... e con lui tutta questa classe politica stantia

Matteo ha detto...

Sulla caduta imminente del governo non mi faccio troppe illusioni, mettiamoci l'anima in pace, dovremo tenercelo per cinque anni. Si tratta semmai di rimboccarci le maniche e di vedere come lottare, su tutti i fronti.
E' chiaro che l'uomo Berlusconi è un caso psichiatrico, in completo delirio di onnipotenza, ma il problema non è lui, il problema è che è sostenuto da parlamentari completamente assoggettati al suo volere, appena osteggiato da un'opposizione inetta, e appoggiato da larga parte di un popolo decisamente in declino, imbarbarito. E non dimentichiamoci, soprattutto, l'appoggio che gode da parte dei poteri forti, Confindustria, banche, massoneria e, nonostante le vicende degli ultimi giorni, io credo anche Vaticano. Mai in precedenza un governo era stato tanto appoggiato dalle elite.

Daniela ha detto...

staremo a vedere...

lazk ha detto...

Caro Andrea,
spero che alla festa Democratica oltre a Fassino possa parlare anche un esponente della mozione Bersani, che io a differenza tua trovo l'ultima possibilità per costruire un partito vero non di plastica, imitando Berlusconi senza avere le sue tv.

Stanno accadendo diverse scorrettezze nella gestione delle risorse del partito, per esempio la gestione della Festa nazionale a Genova, Fassino non mi ha mai scritto una email in tanti anni, altra sera me ne ha scritta una ricordandomi che lui è stato Ultimo segretario dei DS invitandomi a votare Franceschini, se avesse messo il suo indirizzo magari gli avrei risposto a tono.
Nella mia città, per fortuna, si è scelto una via di parcondicio, tutte le tre mozioni hanno esposto le loro ragioni .
Sulle differenze programmatiche non mi dilungo perché penso tu sia una persona informata, come immagino tu lo sia sulla identità da dare al Partito Democratico e sulle istituzioni
democratiche della repubblica che volgiamo mantenere o cambiare.
Nel caso sia così ti segnalo sul sito di Bersani è possibile vedere gli interventi di Letta, D'Alema, Bindi, Bersani al Palalido di Milano con l'esposizione del progetto di Bersani.

http://comitatiperbersani.gruppi.ilcannocchiale.it/?t=post&pid=2327782

http://comitatiperbersani.gruppi.ilcannocchiale.it/?t=post&pid=2327006

http://comitatiperbersani.gruppi.ilcannocchiale.it/?t=post&pid=2327005

http://comitatiperbersani.gruppi.ilcannocchiale.it/?t=post&pid=2327007

Cordialmente
Maurizio