giovedì 18 agosto 2011

Tobin Tax Europea e Rogne Italiane

Merkel e Zarkozy prospettano una Tobin Tax da mettere sul tavolo delle proposte a Settembre a Bruxelles. Per chi non lo ricordasse, la Tobin Tax è una tassa sulle transazioni finanziarie proposta per la prima volta nel 1972 da James Tobin (un economista americano successivamente premio Nobel per l'economia nel 1981), che a seguito dello scandalo Watergate propose una tassazione (a dire il vero non particolarmente alta, attorno allo 0,05%-1%) sulle transazioni finanziarie di qualsiasi natura, con l'obiettivo di limitare le azioni poco chiare e scorrette e di fare cassa per la Comunità, a spese dei grandi speculatori.
In linea di principio nulla da eccepire, tant'è vero che la proposta rimase nel dimenticatoio per più di vent'anni, finchè Ignacio Ramonet redattore di Le Monde Diplomatique non la rispolverò e propose la fondazione di un gruppo denominato ATTAC (Associazione per la Tassazione delle Transazioni finanziarie per l'Aiuto dei Cittadini).
Finalmente, a più di quarant'anni di distanza, pare che qualcuno si sia deciso a proporla in maniera perentoria. Manco a dirlo, il sistema finanziario vede questa tassa come il fumo negli occhi, non sia mai che qualcuno si sogni di mettere delle regole e dei vincoli ai pirati dei mercati internazionali.
E mentre l'Europa si muove per cercare di risolvere la crisi (con il proprio tornaconto, evidentemente, perchè nè la Merkel nè Zarkozy pensano di lavorare gratis), il Governo da operetta italiano continua a barcamenarsi su varianti e possibilità alla manovra bis da 45,5 miliardi di euro. Continue modifiche e proposte dimostrano come ormai Berlusconi sia debole ed in balia degli umori dei suoi compari di brigata, primo fra tutti Bossi, che pare voglia ora "salvare" le amministrazioni locali, dopo aver passato anni a sparare a zero su Provincie e sperperi della Roma Ladrona. Come se questo suo "salvataggio" fosse la risposta più sensata e pragmatica ai problemi dell'Italia: peccato che si scordi ogni volta di indicare dove, in alternativa, si dovrebbero andare a prendere i soldi altrimenti "salvati" dalle grinfie del Governo (cui lo smemorato appartiene ormai da vent'anni e da cui ha avuto un più che discreto tornaconto).

Saluti

1 commento:

nonno enio ha detto...

stavolta è veramente dura venirne fuori con le solite manovrine del caxxo. Bisogna svalutare l'euro e equipararlo al dollaro 1Euro = 1 $