mercoledì 23 giugno 2010

Nemmeno Obama può opporsi ai Petrolieri

E' notizia di ieri, l'ho trovato spulciando un po' i quotidiani on-line (l'Unità l'ha data, Repubblica non saprei): il Giudice Federale Martin Feldman ha accolto il ricorso di 32 compagnie petrolifere, contro la moratoria imposta da Barack Obama di 6 mesi alle trivellazioni, ritenendola infondata, poichè non ci sarebbero dati oggettivi, a dimostrare che l'incidente di Deepwater Horizon sia stato causato dalla trivellazioni ad una profondità maggiore di 150 m.
Mi chiedo quante persone, animali ed esseri viventi dovranno morire, prima che inizieremo a limitare l'uso del petrolio, delle nostre belle auto, dei camion e degli aerei.
La risposta, purtroppo, temo sia che andremo avanti a sprecare ed inquinare fintantoche non avremo l'acqua (o la marea nera?!?), alla gola. Allora, forse, ci fermeremo.
Questo è l'ennesimo triste esempio, di come nemmeno il Presidente degli Stati Uniti d'America possa opporsi alla lobby del petrolio, tentando di mettere un po' di ordine in questa corsa selvaggia allo sfruttamento del nostro Pianeta.
Saluti

Nessun commento: