giovedì 21 maggio 2009

Alla Corte dell'Imperatore

"Non vorrei che arrivo in aula e poi i nostri non ci sono. Un po' perché molti sono in giro a sostenere i nostri candidati alle europee e un po' per altri motivi. Rischio di ritrovarmi solo davanti a quelli dell'opposizione".
Mr B. (oltre alle sgrammaticature iniziali) aveva deciso, lancia in resta, di partire alla volta del Senato per difendere la sua posizione. Perchè Senato? Perchè il Presidente del Senato è Schifani. Perchè alla Camera c'è Fini che ha affermato "il Parlamento non c'entra niente con il processo di Milano". Perchè alla camera c'è Di Pietro.
Insomma, come sempre, Mr B. non cerca di difendere la sua posizione e convincere gli altri che è innocente, ma cerca un bagno di folla consenziente, telegenica e genuflessa solo per poter dire "Vedete? mi amano ancora, mentre voi mi odiate".
Anche la Lega, come Fini, non segue Mr B. nella sua crociata contro la magistratura. Almeno per ora.
Che siano i primi scricchiolii di un potere in via di decadimento?

Saluti

4 commenti:

Alessandro ha detto...

bella motivazione.. manca il suo esercito di leccaculi e il capo si sente soletto..

Lucien ha detto...

Come ha scritto Aldo Vincent, il cerchio si stringe:
Baget Bozzo al creatore
Mills condannato
Scapagnini in prognosi riservata...

Alberto ha detto...

"Che siano i primi scricchiolii di un potere in via di decadimento?"
In tanti stiamo aspettando questo momento.

rakyatindonesia ha detto...

hi .. Sono da Indonesia, mi spiace se la mia lingua italiana è male. Mi piace il tuo articolo, e voglio essere tuo amico. Mi auguro che si desidera visitare indo-online e il mio blog at blog rakyatindonesia , se volete alcuni consigli su alcuni articoli di blog e di integrazione sociale. si prega di lasciare un commento. se in difficoltà, è possibile utilizzare Google Translate. ringrazio gli amici