venerdì 23 ottobre 2009

Mastella Family

A distanza di un anno rieccoci con gli scandali, quegli stessi che causarono la caduta del Governo Prodi. La signora Sandra Lonardo Mastella e' nuovamente indagata, come l'anno scorso, in qualita' di grande regista dell'assunzione di 665 persone (no una) assunte in posizioni piu' o meno strategiche all'ARPA campana, su segnalazione di uomini politici appartenenti per lo piu' all'Udeur. Clemente difende la moglie, proprio come fece nei primi mesi del 2008 al punto che, con le sue dimissioni, fece cadere il Governo di Centro Sinistra (ne era Ministro della Giustizia, giova ricordarlo), perche' nessuno si espresse univocamente a difesa della moglie. Ma, si sa, alcune persone non difendono per partito preso. Se c'e' un'indagine in corso alcuni "demode'" attendono la sentenza. Questo a Clemente non ando' giu', e si dimise. Guarda caso, dopo pochi mesi, venne eletto all'Europarlamento proprio nelle file di quello schieramento di Centro Destra contro cui aveva governato fino a poco prima. Certo l'Udeur e' il partito del volta faccia, e non stupisce piu' di tanto, che insegue il vento della convenienza a seconda di dove tira il potere politico politico. Ma ora come si comportera' Mastella? nessun governo da far cadere, come agira'? per ora e' tornato nella sua Ceppaloni per abbracciare la moglie che, anche questo giova ricordarlo, e' stata allontanata dalla Regione Campania, nel senso che la sua presenza sul territorio regionale non e' piu' gradita. Insomma, quelle accuse che sono state quiete per un anno e mezzo, sembrano essere rette da qualche cosa piu' di un sospetto.
Certo la famiglia Mastella dice che si difendera', che combattera', che dimostrera' la sua innocenza. Magari con un aiuto del Governo Berlusconi che, a differenza di Prodi, e' ben propenso e capace di difendere anche gli indifendibili: basta fare una piccola legge ad hoc e scagliarsi contro la magistratura politicizzata ed il gioco e' fatto, vero Presidente?
Ed infatti quel satiro di Ghedini, avvocato personalissimo del Premier, da un paio di settimana ragione la possibilita' di accorciare i tempi della prescrizione (Berlusconi non ha gia' evitato un paio di condanne con azioni analoghe negli anni passati?!?), per far evitare al Premier i processi Mills e Mediaset: due mine sul percorso della legislatura. Sai mai che, magari, ci possa scappare qualche cosa anche per Sandra.
A latere di tutto cio', non si sente piu' parlare dei veleni affondanti al largo delle coste campane, attivita' lucrosa per le cosche mafiose. Giusto per ravvivare la questione, l'attenzione attorno ai relitti tossici in fondo al mare ha smosso anche un po' le acque su altre realta' calabresi, come i siti industriali abbandonati (25 nella sola zona di Crotone), e gli edifici costruiti sopra siti altamente inquinati o con materiale tossico di recupero (circa 350.000 tonnellate dalla sola Pertusola, una fabbrica di zinco abbandonata da anni), prime fra tutte alcune scuole. Il Ministero della Salute e quello dell'Ambiente fanno sapere che sono state inviate in Campania delle task force per tenere monitorata la questione, far accertamenti ed aiutare Crotone (centro di smaltimento illegale), a gestire la cosa. Circa 300 studenti sono stati fin'ora oggetto di esami del sangue ed indagini mediche, e su quasi tutti sono stati trovati livelli di cadmio, nichel, arsenico e piombo 3-4 volte superiori alla media: vale a dire rischio tumore 3-4 volte superiore alla media nazionale.
Ora i riflettori si sono accesi su queste situazioni, anche se non mi pare che la televisione ne parli ogni giorno, ma quanto durera'? ed e' proprio vero che i Ministeri di Sanita' ed Ambiente hanno "scoperto" queste realta' fin'ora sconosciute?
Saluti

2 commenti:

En ha detto...

l'italia é uno stato malato, dimostrazione: perché i Mastella fanno ancora il loro lavoro.

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Bastava indagare neanche poi così in profondità per scoprire gli intrallazzi della Mastella Family. Vedremo se si riuscirà ad andare fino in fondo o anche in questo caso tutto verrà insabbiato a regola d'arte...