lunedì 5 ottobre 2009

Vogliamo ridere?

Dopo la sentenza sul caso Mondadori e a valle della manifestazione di Roma per la Libertà di Stampa (partecipata oltre ogni previsione), torna la balla del complotto contro Silvio. A parte il fatto che, come di consueto, 'sta storia ha il solo fine di creare un povero martire e distogliere l'attenzione dal focus del problema (e cioè che Belrusconi è, fondamentalmente, un disonesto), sugli organizzatori del "complotto" questa volta ci illumina Bossi.
Il Senatùr ha avuto il coraggio (e qui ce ne vuol tanto, perfino gli elettori verdi me ne daranno atto), di affermare quanto segue: che le vicende personali del premier sono "un problema creato dalla mafia, noi abbiamo fatto leggi pesantissime contro la mafia e quindi c'era il rischio che se la pigliassero con Berlusconi".
Ecco, volete ridere? prego, io son qui che mi tengo la pancia.
Saluti

2 commenti:

Maraptica ha detto...

No. Io voglio piangere.

Matteo ha detto...

mi associo a Maraptica.