lunedì 15 giugno 2009

Complotto alla Casa Reale

Come già accaduto, ieri, all'indomani della partenza per gli Stati Uniti, Berlusconi avrebbe sventolato lo spauracchio delle elezioni anticipate ad un manipolo di fedelissimi.
Il motivo? l'eccessivo polverone che si sta sollevando ai suoi danni, secondo lui, la solita insofferenza del potere ad una libera opionione, secondo me.
A gettare benzina sul fuoco ci si è messo anche Massimo "Baffetto" D'Alema, che avrebbe descritto (durante l'ultima puntata di In mezz'ora della Annunziata), una situazione pubblica e politica del Cavaliere a dir poco tremolante, probabilmente confermata dalle stizzite ed eccessive risposte del PdL.
Le elezioni anticipate sarebbero quindi l'ultimo colpo di reni, l'ultima arma a disposizione di Berlusconi per contrastare quello che ormai, a sentir lui, è diventato un complotto intergalattico, ordito, assieme ad alcuni giornali nazionali ed internazionali (fra cui, lo ricordo, ci sarebbero il Times ed il Guardian), ad alcuni esecutivi europei e a Murdoch, anche imprenditori italiani ed un manipolo di ribelli venusiani.
Se questi non sono i deliri di un uomo in decadimento, non so cosa possano rappresentare. Speriamo che la vacanza americana giovi al nostro Premier, che gli porti consiglio, ma speriamo soprattutto che Obama non gli chieda malauguratamente di rispondere ad alcune domande, magari dieci e piccanti.

Saluti

1 commento:

pia ha detto...

Un mese fa un parlamentare di Genova con cui ho avuto occasione di parlare, mi disse che ci sarebbero state delle elezioni anticipate per far sì che questa maggoranza di destra fosse ancora tale in Parlamento in occasione dell'elezione del presidnte della repubblica: l'attuale mandato finirebbe ad aprile 2013 e le elezioni del capo di stato avverrebbero unmese dopo. Per essere sicuri di avere la maggioranza tenteranno di "rinnovare" le elezioni dello scorso anno, cavalcando un'onda a loro favorevole (e l'elettorato, nonostante tutto, in questa fase è ancora dalla sua parte)per potersi garantire quell'elezione a capo di stato. Così con delle elezioni anticipate si garantisce la "sua" maggioranza in allora e cercherà di rivalutare la sua immagine or ora, visto che da solo sta solo annaspando.
Mi ha pure detto che la sua salute, tuttavia, non è delle migliori: si è notato più volte, ad esempio, quanto sia infatidito dal colletto delle camicie e spesso compie un gesto come per allargarlo. Quando può, maglietta o camicia nera aperta...
Sembra un incubo senza fine.